Famiglia Scuola Educazione


Vai ai contenuti

Libri Consigliati

Anteprima del libro

Domenico Ruiu
Il Fotografo dei Rapaci

Presentazione

 

Bendetto XVI
GESU' DI NAZARET VOL 3 - L'INFANZIA DI GESU'



Esce finalmente il nuovo e atteso testo sull’infanzia di Gesù. In questo agile volume il Papa analizza i testi dei Vangeli nel tentativo – riuscito - di accompagnare il suo lettore a porsi una serie di domande cruciali: È vero ciò che è stato detto? Riguarda me? E se mi riguarda, in che modo lo fa? Joseph Ratzinger – Benedetto XVI in questo coinvolgente scritto fa cogliere al suo lettore il rischio, sempre presente in ogni cultura, di presentare il vangelo come un semplice fatto del passato. Questo volume è certamente un aiuto per coloro che sono impegnati nel cammino verso e con Gesù ed è anche una guida per l’uomo in ricerca e inquieto che, davanti al mistero della Natività, si pone la domanda: “Gesù da dove viene?”

Gustave Bardy
La conversione al cristianesimo nei primi secoli



Bardy ricostruisce in questo libro le motivazioni, gli ostacoli, le esigenze, i metodi della conversione cristiana nei tempi della Chiesa. Ma colloca anche accuratamente le prime vicende del cristianesimo dentro l'ambiente religioso e culturale dell'impero romano.

Andrea Muni
Legge e libertà. La filosofia dell'educazione in Edda Ducci



Legge e libertà. La filosofia dell’educazione in Edda Ducci” di Andrea Muni è un testo che pone al centro lo studio e l’interpretazione di Edda Ducci - filosofa pedagogista del Novecento- in relazione non solo alle dottrine sull’educazione umana di Platone, Aristotele e Sofocle ma anche di autori quali San Tommaso d'Aquino, santa Caterina da Siena, Kierkegaard, Ebner, Buber, Dostoevskij, Nietzsche, Pirandello e Pasolini.
“Una delle finalità principali della pedagogia della Ducci è quella di combattere il processo di scristianizzazione in atto nella società italiana."

   

BENEDETTO XVI
Donne nel Medioevo. Il genio femminile nella storia del popolo di Dio



Una straordinaria rassegna di ritratti che Benedetto XVI ha dedicato a donne sante e beate vissute nel Medioevo: Giovanna d'Arco, Caterina da Genova, Caterina da Bologna, Veronica Giuliani, Giuliana di Norwich, Caterina da Siena, Santa Giuliana di Cornillon, Margherita d'Oingt, Brigida di Svezia, Elisabetta d'Ungheria, Angela da Foligno, Gertrude la Grande, Matilde di Hackeborn, Chiara d'Assisi, Ildegarda di Bingen. Con una prefazione di André Vauchez e una postfazione di Maria Mara Monetti.

 

Vaclav Havel
Un uomo al castello




Un uomo al Castello di Václav Havel si articola strutturalmente in tre generi diversi: un libro-intervista con Karel Hvížd’ala che rende conto dei motivi profondi che caratterizzarono la celebre Rivoluzione di Velluto del 1989, con interessanti riflessioni sul potere, il mercato, la globalizzazione, il ruolo dei partiti e delle istituzioni, nonché pagine suggestive sulla vita privata di Havel. Egli accompagna le domande e le risposte dell’intervista con fogli del suo diario personale scritto durante il lungo soggiorno a Washington nel 2005, diario che è attraversato da una capacità introspettiva vicina all’autoanalisi che non nasconde le fragilità dell’Autore, e da un sottile e delizioso humour. Il famoso scrittore-presidente inserisce tra queste pagine anche gli appunti di lavoro rivolti ai collaboratori; emergono dal volume giudizi schietti sui politici al vertice della Repubblica ceca, ma anche sui Bush e i Clinton, Gorbaciov e Putin, Kohl, Blair, e altri; di Giovanni Paolo II parla con ammirazione.




Audio CD
Collana Spirto Gentil, N. 52



Per il mondo medievale la permanenza di Cristo nella storia era un fatto: Cristo era realmente una presenza. Queste Laude sono il risultato di una semplicità, come virtù, che aderiva all’evidenza dello stupore che quell’Uomo destava.


Spirto gentil è una profonda lettura della grande musica, guidata dalle personali riflessioni di don Giussani. Giussani imparò in famiglia a riconoscere nella musica una via privilegiata di percezione del bello come splendore del vero, capace di suscitare e tenere vivo il desiderio della “Bellezza infinita”, riconoscendovi così una modalità eccezionale attraverso cui il Mistero parla al cuore dell’uomo. Trasmettere ai giovani e agli adulti questa esperienza tanto decisiva lo spinse a utilizzare sistematicamente l’ascolto della musica come strumento privilegiato per l’educazione.

Filippetti Roberto

Il Vangelo secondo Giotto
La vita di Gesù raccontata ai ragazzi attraverso gli affreschi della cappella degli Scrovegni



L’Autore ha messo le vesti di Giotto, eccezionale guida per spiegare ai ragazzi la storia che ha voluto rappresentare nella Cappella degli Scrovegni.
Attraverso tre sequenze di dodici episodi ciascuna egli racconta per immagini la vita di Maria, quella di Gesù, la sua morte e resurrezione.
Completa il volume la sequenza dei vizi e delle virtù, le due strade che decidono del destino eterno dell’uomo, rappresentato dal Giudizio universale.




BENEDETTO XVI
Gesù di Nazaret. Dall’ingresso in Gerusalemme fino alla risurrezione




Prosegue la riflessione di Benedetto XVI sulla figura e le parole di Gesù. Nella Prima Parte l'autore si era dedicato agli avvenimenti che vanno dal battesimo al Giordano fino alla confessione di Pietro ed alla Trasfigurazione. Nella Seconda Parte presentata in questo volume vengono affrontati in nove capitoli gli episodi decisivi della vita di Gesù, quelli al centro della fede cristiana: la passione, la morte e la Risurrezione di Cristo.
Gesù di Nazaret è l'ultimo grande libro che uno dei maggiori teologi del XX secolo si era proposto di scrivere come atto conclusivo del suo percorso intellettuale e scientifico, prima ancora di essere eletto Papa. Così l'autore non intende parlare in primo luogo quale Romano Pontefice, ed il libro non vuole essere un atto ufficiale del suo magistero. Ma questa apparente debolezza in realtà si rivela la forza di un libro che desidera liberamente interloquire con tutti.
L'analisi tanto appassionata quanto scientificamente rigorosa degli avvenimenti – l'Ingresso a Gerusalemme, la Lavanda dei piedi, l'Ultima Cena, il Getsemani ed altro ancora – è come attraversata da una nota di sottofondo sempre ricorrente: è la domanda di importanza decisiva ad un tempo per lo studioso e per ogni credente: il Gesù nel quale crediamo è anche il Gesù veramente esistito? I Vangeli ci mostrano la figura di Gesù la più storicamente sensata e convincente? Così diviene evidente che in questo libro l'autore non intende solo cimentarsi nelle dispute teologiche relative ad una figura, quella di Gesù di Nazaret, con la quale il teologo si è occupato tutta la vita. Joseph Ratzinger-Benedetto XVI intende insieme adempiere al suo compito sacerdotale ed episcopale: con un linguaggio avvincente ed immediatamente accessibile prende per mano tutti ed ognuno – esperti e non, credenti e non – per accompagnare all'incontro con un uomo in carne ed ossa che è più di un uomo e la cui tomba trovata vuota, oggi come ieri, è un avvenimento che può ragionevolmente soddisfare le speranze e le aspettative più vere di ognuno di noi.

 

HENRIK IBSEN
Brand
Poema drammatico in cinque atti



Rispondimi, o Dio, nell'ora in cui la morte m'inghiotte: non è dunque sufficiente tutta la volontà di un uomo per conseguire una sola parte di salvezza?
Brand è un prete convinto che la forza di volontà sia sufficiente a raddrizzare le troppe storture del mondo; un uomo estremista negli atteggiamenti, che tratta tutti con durezza e vuole "guarire la razza dai suoi vizi e dalle sue imperfezioni". La sua figura rigida, nel tentativo di vivere secondo una virtù perfetta, ben si adatta a questa nostra epoca di moralisti e nuovi predicatori, rivelando una potente carica provocatoria; e la tragedia di chi ha fatto dell'autonomia una religione e una passione civile rappresenta perfettamente la crisi dell'uomo contemporaneo.
Un dramma intenso, in cui alla vena di spiritualità si unisce una forte critica sociale; un testo profonddo e innovativo, in cui la poesia linguistica tipica dei grandi capolavori di Ibsen spicca perfettamente intatta e forse, oggi, persino più potente.



Benson Robert Hugh
Il padrone del mondo



Robert Hugh Benson, con Il padrone del mondo (1907), ci porta in una realtà nella quale l’uomo ha raggiunto gli estremi confini del progresso materiale e intellettuale, dove tutto è meccanizzato e programmato per un unico grande progetto: il trionfo dell’Umanitarismo. L’eliminazione della guerra, l’abolizione dei rumori, la legalizzazione dell’eutanasia, l’adozione di cibi artificiali, l’uso dell’esperanto sono solo alcune tra le caratteristiche che fanno da naturale corollario al nuovo tipo di convivenza civile.
In questo paesaggio si muovono, con estrema ponderatezza, i personaggi di Benson, ricchi di umanità e descritti in modo sapiente: Oliviero Brand, il politico, teorico del nuovo sistema che vede l’uomo unico dio e signore delle cose; Mabel, la deliziosa compagna di Oliviero, che sceglie la dolce morte offerta dalle case dell’eutanasia e che, nel momento estremo, quando l’ultimo soffio di vita fugge dal suo corpo provato dal lungo conflitto esistenziale, vede, capisce e prova, netta la sensazione del misterioso Altro. Giuliano Felsemburgh, l’uomo che costituisce la sintesi più sconcertante dei sentimenti e delle aspirazioni che l’Umanitarismo suscita, l’uomo che contende a Dio il dominio del mondo; Percy Franklin, un prete, combattuto internamente dall’intensa lotta in cui la fede vacilla per poi riconfermarsi più viva e vera.



Un libro per bambini

La beatificazione
di Giovanni Paolo II
«Aprite le porte a Cristo»



Giovanni Paolo II è stato un grande Papa e un grande uomo, testimone
coraggioso e instancabile della bellezza della fede per ogni uomo. In
questo libro, rivolto in particolare ai bambini, viene raccontata la sua
vita, prima da giovane operaio e studente polacco appassionato di sport
e teatro, poi da sacerdote e Vescovo della “sua” Cracovia, infine da
Papa, instancabile servitore della Chiesa.
Gli aspetti biografici sono corredati dal racconto dei momenti salienti
del suo pontificato, dei suoi viaggi in tutto il mondo e delle
innumerevoli persone che ha incontrato.
Una sezione del libro è dedicata alla beatificazione di Giovanni Paolo II:
il miracolo a lui attribuito, le parole di Benedetto XVI, la gioia della
Chiesa.
Il volume contiene numerose fotografie di Giovanni Paolo II ritratto nei momenti più significativi della sua
vita e del suo pontificato, accompagnate da illustrazioni originali, che favoriscono la lettura e l’interesse dei
bambini.






Benedetto XVI

Luce del mondo
Il Papa, la Chiesa e i segni dei tempi




Un libro-intervista di Benedetto XVI con il famoso giornalista tedesco Seewald. Un punto di vista inedito del pontefice sui temi di attualità.

"Non siamo un centro di produzione, non siamo un'impresa finalizzata al profitto, siamo Chiesa. Siamo una comunità di persone che vive nella fede. Il nostro compito non è creare un prodotto o avere successo nelle vendite. Il nostro compito è vivere esemplarmente la fede, annunciarla; e mantenere in un profondo rapporto con Cristo e così con Dio stesso non un gruppo d'interesse, ma una comunità di uomini liberi che gratuitamente dà, e che attraversa nazioni e culture, il tempo e lo spazio."


 

Filippetti Roberto

Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore - catalogo mostra



31 capolavori di Van Gogh accostati a citazioni folgoranti nelle quali emerge tutto il suo dramma, quel fuoco nel cuore che della vita di Van Gogh è il tratto dominante.

Con i colori Van Gogh ha cantato un esultante inno di lode alla bellezza del reale, «come l’allodola che non può fare a meno di cantare», entro l’autocoscienza drammatica dell’uomo vero, che si riconosce tutto mancante, mendicante l’aiuto fraterno, proteso verso l’infinito. E anche dentro l’umiliazione per la riconosciuta precarietà della propria salute mentale.
Egli scrisse un giorno al fratello Theo: «Quello che uno ha dentro traspare anche al di fuori. Uno ha un grande fuoco nel suo cuore e nessuno viene mai a scaldarcisi vicino, e i passanti non vedono che un poco di fumo in cima al camino, e poi se ne vanno per la loro strada. E ora che fare, mantenere quel fuoco interno, attendere pazientemente eppur con tanta impazienza, attendere il momento in cui qualcuno vorrà sedersi davanti e magari fermarsi?».




T. S. ELIOT

Cori da "La Rocca"

BUR Rizzoli
2010
pp. 136
€ 8,00

Scritto su commissione, “La Rocca” fu rappresentato nel 1934 allo scopo di raccogliere fondi per la costruzione di una parrocchia nei sobborghi di Londra. T.S. Eliot, già consacrato dalla critica come uno dei nuovi maestri del ’900, per questo testo insolito rischiò la reputazione.
In questi Cori da “La Rocca”, la più “snobbata” ma soprattutto la più profetica opera di un grande della poesia di tutti i tempi, Eliot propone, con la sua tipica mescolanza di ironia e di alta drammaticità, pagine di straordinario impatto emotivo, in cui la desolazione della vita senza significato e il destino della Chiesa nel mondo sono scrutati con la sensibilità e l’intelligenza del poeta e del fedele che non risparmia alla sua epoca e a se stesso interrogativi e “smitizzazioni”.
Presentata da uno dei maggiori poeti italiani, l’opera è accompagnata da una pratica guida alla lettura che la rende accessibile a tutti e ne evidenzia le provocazioni. Questa edizione mantiene il testo inglese a fronte.

Giovanna Parravicini

Marija Judina: più della musica + CD


Marija Judina (1899-1970) è stata una dei più grandi pianisti russi del ‘900, sconosciuta in Occidente ed emarginata in patria – dove pure era considerata un prodigio di perfezione musicale e tecnica – a causa dell’ostracismo del regime, che aveva paura del suo cristianesimo senza riserve, del suo temperamento indomito e della sua indipendenza di vedute. Il volume ne ripercorre le vicende biografiche e l’attività pianistica, tratteggiando un ritratto di straordinaria umanità e offrendo nel contempo, attraverso l’annesso cd, un saggio dell’interpretazione intensa e originalissima di Marija Judina di alcuni grandi musicisti, da Bach a Mozart e Musorgskij.
In appendice, due saggi di Marija Judina su Brahms e su Musorgskij ci offrono un esempio della sua lettura dell’opera musicale.

Opere suonate da Marija Judina e contenute nel CD allegato:

– J.S. Bach, Fantasia cromatica e fuga BWV 903
– W.A. Mozart, Concerto per pianoforte e orchestra KV 488
– J. Brahms, Intermezzo op. 116 n. 2
Intermezzo op. 117 n. 1
Intermezzo op. 117 n. 2
Intermezzo op. 117 n. 3
– M. Musorgskij, Quadri di un’esposizione
– I. Stravinskij, Sonata in do maggiore 1924



LUIGI GIUSSANI
Vivere intensamente il reale. Scritti sull'educazione
a cura di Julián Carrón



Fin dall’inizio del suo impegno con gli studenti milanesi, a metà degli anni Cinquanta – prima come assistente della gioventù femminile e maschile di Azione Cattolica e poi come insegnante nel liceo Berchet –, Giussani ebbe chiaro che l’unico modo per rispondere alla sfida di un mondo che andava nella direzione opposta a quella della tradizione – e per il quale la fede e la ragione erano come due rette che non si sarebbero mai potute incontrare – era di indicare un metodo per cui le parole cristiane tornassero a essere una risposta convincente alla vita dei giovani.
Il metodo educativo di don Giussani non era quello di ripetere idee giuste, ma piuttosto il tentativo di ridestare qualcosa che c’era nell’altro, provocandone la libertà. Questo era il suo modo di fare compagnia ai ragazzi, di essere loro amico. Il suo era un richiamo a quel fascio di esigenze ed evidenze originali del cuore - esigenze di verità, di bellezza, di giustizia, di felicità – e un invito a un paragone continuo con esse.

Don Giussani educatore si identifica con questa sua capacità di ridestare nell’io il desiderio di qualcosa di bello, di vero e di grande, proprio a partire dall’incontro con la realtà, in qualche modo “consegnandosi” ai suoi studenti e poi alle migliaia di adulti che lo hanno seguito in questi cinquant’anni. Egli è stato di fronte a loro - e a noi - da uomo, li - e ci - ha sfidati a verificare la proposta cristiana come adeguata a degli esseri ragionevoli. Tanti hanno accolto il suo invito e questo li ha messi nelle condizioni migliori per dare un contributo al benessere del popolo, secondo la più autentica tradizione cattolica.





 

GIOVANNI BATTISTA MONTINI. PAOLO VI
PEDAGOGIA DELLA COSCIENZA CRISTIANA






Una raccolta di scritti di Giovanni Battista Montini sulla questione educativa prodotti durante i periodi dell’episcopato milanese e del pontificato. L’ideale di Paolo VI si rivela legato all’idea che il docente debba raggiungere l’intimo delle coscienze a lui affidate, creando le condizioni per cui esse liberamente si riferiscano all’ideale umano rivelato dal Vangelo.
L’augurio è che le riflessioni qui raccolte siamo utili per affrontare le differenti emergenze educative del nostro tempo.


Eddo Rigotti
Conoscenza e significato. Per una didattica responsabile



Questo libro si rivela uno strumento insostituibile per ripensare alla Didattica come occasione di interloquire con il cuore dei giovani, come consegna di conoscenze, categorie, linguaggi indispensabili affinchè sia possibile un cammino di conoscenza di sè e della realtà, e quindi di libertà.
L'educazione? Una comunicazione da parte dell'adulto del suo personale rapporto con la realtà affinchè il discente possa educarsi.

Andrea Muni
COSE CHE GLI INSEGNANTI NON DICONO



Questo libro propone un nuovo approccio alla pedagogia e alla didattica, con particolare riferimento all’apprendimento della storia dei bambini. L’Autore costruisce, come finzione verosimile, un dialogo tra un insegnante, alcuni bambini su alcuni testi su un’antica guerra che segna il passaggio dall’apogeo del mondo classico alla sua decadenza. Il dialogo si fa occasione di domande su cosa significhino per noi, oggi come nell’antichità, parole come “intelligenza”, “democrazia” o “progresso”. La didattica e la pedagogia si fanno teatro del mondo, specchio reale e metafora della vita.
Siamo in un territorio di grande attualità e al tempo stesso di continuità con i classici non solo del pensiero pedagogico e didattico, ma anche della filosofia, della psicologia e della storia.






D'Avenia Alessandro
Bianca come il latte, rossa come il sangue


Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

 

Mariano Herranz
San Paolo attraverso le sue lettere



Benedetto XVI:
«Paolo non è per noi una figura del passato, che ricordiamo con venerazione. Egli è anche il nostro maestro, apostolo e banditore di Gesù Cristo anche per noi....oggi»

Per questo occorre qualcuno che ci aiuti a entrare nei testi paolini, fornendoci quegli elementi che ci permettano di capirli. E' quello che fa magistralmente il professor Mariano Herranz in questo libro.

Marshall Bruce
Tutta la gloria nel profondo. Il mondo, la carne e Padre Smith


Padre Smith guarda dalla finestra la fila di persone che attendono di entrare al cinema, la cosa lo urta, non capisce come tante persone possano vivere lontane da Dio, «c’è qualcosa di più importante della liturgia, la giustizia, la carità verso coloro che hanno combattuto e rischiato tutto per noi». «Mi dica, cosa crede che aspetti tutta quella gente, lì in coda? Non aspetta forse di togliersi la sete dell’avventuroso, del romantico, del bello? E Dio è infinitamente più avventuroso, più romantico e più bello di qualunque protagonista di film, ma la gente non lo sa. E tocca a noi ...farglielo capire».





 




 


Libri e Riviste per Bambini

Raccomandiamo la rivista dei Bambini "Piccole Tracce"
Sfoglia un numero della rivista

www.piccoletracce.it

Rivista utilizzata da insegnanti e educatori come strumento di lettura e di lavoro.
Proposto nei gruppi parrocchiali in aiuto alle attività di catechismo e animazione.


Libri 1



Torna ai contenuti | Torna al menu