Famiglia Scuola Educazione


Vai ai contenuti

LA MUSICA NEL CUORE

Film




LA MUSICA NEL CUORE

Genere:Favolistico

Regia: Kirsten Sheridan

Interpreti: Freddie Highmore (August Rush), Keri Russell (Lyla Novacek), Jonathan Rhys Meyers (Louis Connelly), Terrence Howard (Richard Jeffries), Robin Williams (il Mago), William Sadler (Thomas), Leon G. Thomas III (Arthur), Jamia Simone Nash (Hope), Alex O'Luoghlin (Marshall), Aaron Staton (Nick), Jamie O'Keefe (Steve).


Nazionalitą: Stati Uniti

Distribuzione: Medusa Film

Anno di uscita: 2007


Orig.: Stati Uniti (2007)

Sogg.: Paul Castro, Nick Castle

Scenegg.: Nick Castle, James V. Hart

Fotogr.(Scope/a colori): John Mathieson

Mus.: Mark Mancina

Montagg.: William Steinkamp

Dur.: 100'

Produz.: Richard Barton Lewis.


Giudizio: Raccomandabile/poetico **
Tematiche: Adolescenza; Famiglia; Film per ragazzi; Musica;

Soggetto: Louis, chitarrista irlandese, e Lyla, violoncellista, si incontrano a New York e passano una fugace notte insieme. Anni dopo un bambino molto dotato per la musica si esibisce per la cittą insieme ad un uomo un po' strano che dice di essere il suo agente e lo chiama August Rush. Il bambino si fa conoscere e infine decide di utilizzare il proprio talento per andare in cerca dei genitori mai conosciuti. Anche loro, vissuti separati, avvertono che qualcosa li spinge verso quel bambino. E cosģ, sul podio di un concerto, il padre la madre e il figlioletto finalmente si ritrovano.

Valutazione Pastorale: Si tratta certamente di un favola ma raccontata con una forza di ispirazione e con una convinzione espressiva da esprimere l'emergere di qualche piccola, grande veritą. La musica č fluido che unisce le persone, é luogo di armonie inafferrabili, territorio dove umano e divino trovano preziosi momenti di incontro. In questo caso il bambino trova in sč una volontą tale da far riunire i genitori, e la capacitą di vincere le situazioni avverse diventa simbolo della possibilitą di far prevalere il meglio di ogni persona: quello 'spirito' di forza e di equilibrio che sovverte il tempo e lo spazio. Per questi motivi il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come raccomandabile, e senz'altro poetico.



Utilizzazione: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre in molte occasioni come spettacolo intenso e mai retorico.



Torna ai contenuti | Torna al menu