Famiglia Scuola Educazione


Vai ai contenuti

AMICI PER SEMPRE

Film




AMICI PER SEMPRE

Genere:Metafora

Regia: Peter Horton

Interpreti: Joseph Mazzello (Dexter), Brad Renfro (Erik), Annabella Scior-ra (Linda), Diana Scarwid (Gail), Bruce Davison, Aeryk Egan, Craig Gierl, Laurie A. Sinclair, Rodney W. England, Peter Moore, Shirley Venard, Mary Mc Cusker, Andrew Broden, Jeremy Howard


Nazionalità: Stati Uniti (1995)

Distribuzione: Life International

Anno di uscita: 1996


Sogg. e Scenegg.: Robert Kuhn

Fotogr.: (normale / a colori) Andrew Dintefass

Mus.: Grusin

Mon

tagg.: Anthony Sherin

Dur.: 98'

Produz.: Mark Burg


Giudizio: Raccomandabile/Problematico
Tematiche: Adolescenza; Aids; Amicizia;

Soggetto: I dodicenni Dexter ed Erik, che frequentano la stessa classe con un poco d'antipatia l'uno verso l'altro, tanto più che circola la voce che Dex-ter sia portatore di AIDS, abitano in due villini adiacenti, con una staccionata in comune che divide i loro giardini. Sono ragazzi molto soli: Linda, la mamma di Dexter, lavora in un supermercato e non ha molto tempo da dedi-care al figlio, gracile di salute, che pur ama e chiama affettuosamente "dol-cezza"; Gail, la mamma di Erik, è un'alcolista che vuol bene al ragazzo ma lo trascura a motivo del bere diventando irritabile e nervosa. Quando, un pome-riggio, Erik sente tossire Dexter dall'altra parte della staccionata lo invita a giocare a battaglia navale e, incurante delle dicerie e delle provocazioni dei coetanei, gli diviene inseparabile amico e tenta a modo suo di aiutarlo ad uscire dal male di cui ignora la pericolosità con diete discutibili a base di merendine dolci e d'infusi d'erbe, talvolta addirittura velenose. Gradatamente i due amici cominciano ad avventurarsi in scorribande fuori dai loro recinti protetti, finché Erik, venuto a conoscenza che uno specialista di New Orleans sta sperimentando positivamente nuove terapie per la cura dell'AIDS, e non avendo il senso delle distanze, riesce a convincere Dexter a una fuga verso quella meta, che ne è convinto restituirà la salute all'amico. Il viaggio dei due ragazzi, dapprima in un gommone, seguendo la corrente di un fiume, poi su un battello di gente senza scrupoli, alla quale Erik consegna in cambio quasi tutto il poco denaro che è riuscito a racimolare, è un insieme di eccitan-ti novità, imprevisti e rischi, che mettono a dura prova la precaria salute di Dexter. Finalmente riescono a telefonare a Linda che si precipita a riprendere i due fuggitivi e a ricoverare il figlio in una struttura ospedaliera adatta. Erik non abbandona l'amico: è sempre accanto al suo letto, anche contro il parere della madre, alcolista e nevrotica, ma pure allarmata per il rischio c he il figlio corre di contrarre il terribile male. L'inventiva di Erik per tenerlo alle-gro e fargli dimenticare il male non conosce limiti. Ma le cure non giovano e Dexter muore durante un gioco escogitato da Erik per vederlo ridere.

Valutazione Pastorale: Il film di Peter Horton ha tutto l'andamento di una metafora, che può anche divertire gli adolescenti per la rappresentazione a suo modo realistica del loro mondo di giochi, bravate rischiose, provoca-zioni, risse, linguaggio mutuato dall'ambiente, sfide incoscienti, avventure fantastiche, ma induce pure alla riflessione gli adulti sul problema tremendo dell'AIDS che può colpire chiunque per la sua subdola possibilità di conta-gio, e condannare al rifiuto e alla segregazione anche creature innocenti. Il tema centrale del film (trattato quasi sempre con sensibilità scevra da conces-sioni all'emotività) è l'amicizia. A tanta intensità di penetrazione, umanità, dedizione spontanea, libertà dai pregiudizi correnti, affetto sincero e fedele ci ha disabituati la cinematografia imperante, prodiga di spettacolarità, violen-za, spesso volgarità. Ben vengano dunque film come questo di Peter Horton col suo ricupero, senza moralismi, di autentici valori e di notevole spessore formale. Tranne qualche prolissità il film è pregevole per ambientazione, ritmo, recitazione, espressività, contenuti


Torna ai contenuti | Torna al menu